Questioni di lana caprina

Gli effetti sul trend termico globale delle correzioni / omogeneizzazioni dei dati di superficie sul mare hanno prodotto un leggero abbassamento, come già visto qui:


Sulla terraferma,  un leggerissimo rialzo fra il 1850 e il 1950 (+0,018 °C / decennio) e poi un altrettanto leggerissimo abbassamento (-0,010 °C / decennio) dal 1950 in avanti.

In pratica: un effetto sul trend di fondo importante quanto la classica lana caprina.

Interessanti, comunque, le differenze regionali (vedi ad es. il caso degli USA già discusso nel post linkato sopra):


Rendere omogenea una serie storica significa rimuovere le variazioni di temperatura non dovute al clima e possono essercene per svariate ragioni. Se per es. il motivo per cui le minime sono aumentate più delle massime è il GW allora non c'è alcuna ragione per escludere questi dati dal confronto, fanno parte del nuovo clima. Un problema nella serie europee ad esempio è la scarsa schermatura dei termometri che tende ad alzare le temperature della stagione estiva con un massimo in Giugno, nella regione alpina è un problema specie prima del 1850-1870.

Esempio delle differenze tra serie grezze ed omogenee nel periodo aprile-settembre in Europa centrale (la linea sottile sono le temperature grezze smorzate su 20anni, quella spessa la serie omogenea):

Fonte:The early instrumental warm-bias: a solution for long central European temperature series 1760–2007

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
che sonno

Un'altra questione di simil fatta è la polemica inscenata dal fresco neo-assunto opinionista al NYT (vedi la lettera di disdetta dell'abbonamento da parte di Rahmstrof riportata ad es. qui) e promulgatore di fatti alternativi e di menzogne sul clima Bret Stephens che in prima pagina, fra le tante opinioni camuffate da fake-news spennapolli, ieri l'altro ha scritto:


Già. Peccato che le sue opinioni stanno alla verità come un pesce sta ad una bicicletta...


%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%

Update 3/5: anche la questione del plateau / iato / rallentamento del rateo di crescita / "pausa" del GW, sostanzialmente, soggiace alla stessa natura del titolo del post. Ne avevo già parlato zillanta volte sul blog (vedi ad es. il tag "Plateau", o recentemente qui, qui e qui). Michael Ghil (con R. Vautard) ci avvertiva tutti nel suo seminale paper del 1991.


Esce in questi giorni su Nature l'ennesimo lavoro che cerca di fare il punto della situazione, tentando, in questo specifico caso, di riconciliare le "controversie" e arrivarne ad una, che sia anche definitiva.
È un lavoro interessante di Iselin Medhaug, Martin B. Stolpe, Erich M. Fischer e Reto Knutti qui dello IACETH. Meritano anche il commento e questo articolo del Guardian, con interviste anche a James Risbey, co-curatore del commento, e a Michael Mann, Stefan Rahmstrof e Matt England:
New study finds there never was an unexpected lull in climate change but says the science community needs to communicate better

Un amico ricercatore che vive a 600 mslm con cui si discuteva online del lavoro, per concludere con ironia, mi dice:
qui comunque la dimostrazione che il riscaldamento globale non esiste: foto presa pochi giorni fa dalla finestra del mio studio.

Commenti

  1. Stephens ha corretto il testo... attribuendo al globo intero i fantasmagorici 0.85 C di aumento dal 1880... puoi toglierti l'elmetto e uscire dalla trincea, la battaglia e' gia' finita.

    'Anyone who has read the 2014 report of the Intergovernmental Panel on Climate Change knows that, while the modest (0.85 degrees Celsius, or about 1.5 degrees Fahrenheit) warming of the earth since 1880 is indisputable, as is the human influence on that warming, much else that passes as accepted fact is really a matter of probabilities. That’s especially true of the sophisticated but fallible models and simulations by which scientists attempt to peer into the climate future. To say this isn’t to deny science. It’s to acknowledge it honestly.'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://bit.ly/2q2rzOH

      Elimina
    2. "i fantasmagorici 0.85 C di aumento dal 1880"

      Fantasmagorici?
      http://4.bp.blogspot.com/-lghvvCFAM28/UZkQ-SQ6RzI/AAAAAAAAFqE/ncolvgN-ch8/s1600/shakun_marcott_hadcrut4_a1b_eng.png

      Elimina
    3. @steph
      'http://bit.ly/2q2rzOH'

      goo.gl/hWPkOr

      goo.gl/9YWkK9

      ;-)

      Elimina
    4. Oh, grande Feynman. Mi ha risvegliato dal torpore primaverile....

      Elimina
  2. @steph
    'Fantasmagorici?
    {link farlocco omesso}'

    Precisami una cosa, per favore, Steph!... il valore fuoriscala di piu' di 3 gradi al 2100 lo hai dedotto da:

    1) il video del climatologo Al gore;
    2) la sfera du cristallo del Mago Otelma;
    3) il calendario del frate indovino;
    4) una delle tante simulazioni farlocche con dati 'in-filled' sul 90 % delle zone polari, dati di temperatura degli oceani presi coi secchi (perche' le sonde ARGO non vanno bene, non sono abbastanza catastofiste), e magari anche un pizzicotto di flux adjustment, quella simpatica tecnica di magia climatologica che permette di sottrarre o aggiungere quantita' arbitrarie di energia (e anche altro) per far quadrare, a spanne, simulazioni e dati.

    ...

    Facce sogna', Steph, dicci almeno che hai scelto la 4...

    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo ho dedotto io e il valore non è fuoriscala. Il grafico è antecedente all'AR5, per cui per la simulazione si è fatto capo allo scenario A1B dell'AR4 che prevede una best estimate di +2,8 °C per fine secolo.
      https://www.ipcc.ch/publications_and_data/ar4/wg1/en/spmsspm-projections-of.html

      “dati di temperatura degli oceani presi coi secchi (perche' le sonde ARGO non vanno bene, non sono abbastanza catastofiste)”
      Come al solito, questo è lei a dirlo, non io
      http://climafluttuante.blogspot.ch/2017/02/trompe-lil.html

      Fra l'altro, come segnalato zillanta volte, i trend delle temperature globali vengono *ridotti* dalla procedura di omogeneizzazione dei dati oceanici, perché senza correzioni gli anni della prima parte del secolo scorso risultano più freddi di quanto realmente sono stati. Lo sa leggere il primo grafico ad inizio post, no?

      Elimina
    2. https://xkcd.com/1732/

      Elimina
  3. @steph8 maggio 2017 14:48
    https://xkcd.com/1732/

    Bello, come al solito per l'autore, salvo il "current path" e altre due possibilita' alla fine, che e' "current" solo secondo i modellini farlocchi... nulla puo' essere "current" ed essere riferito al futuro... per definizione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks

Il 2016 in Svizzera